(IN) Netweek

MILANO

Presentato il pilastro Ue dei diritti sociali In collaborazione con la Rappresentanza in Italia della Commissione europea

Share

L'Europa riparte dal sociale e dai diritti dei lavoratori. Nelle intenzioni della Commissione europea, il «pilastro Ue dei diritti sociali», presentato lo scorso 26 aprile, ha il compito di stabilire 20 principi e diritti per far sì che i mercati del lavoro e i sistemi di protezione sociale siano efficienti ed equi in tutta Europa.

L'iniziativa della Commissione vuole creare un nuovo processo di convergenza verso migliori condizioni di vita e di lavoro in Europa. Pensati principalmente per la zona euro, i diritti sociali dei lavoratori sono aperti a tutti gli Stati membri dell'Ue che desiderino aderirvi.

L'opera della Commissione si articola in due direzioni. Da una parte, ribadisce alcuni diritti già presenti nelle norme Ue e internazionali, integrandoli in modo da tener conto delle nuove realtà. Si tratta di diritti legati alle pari opportunità e all'accesso al mercato del lavoro, alle condizioni di lavoro eque e alle protezione e inclusione sociali. Dall'altra parte, la Commissione indica una serie di nuovi principi e diritti relativi, ad esempio, ai congedi di paternità, alla conciliazione tra lavoro e vita privati, all'informazione dei lavoratori, all'accesso alla protezione sociale e all'orario di lavoro.

La Commissione vuole che i lavoratori abbiano più diritti. Una volta articolati, spetterà agli Stati membri, alle istituzioni Ue, alle parti sociali assicurare il rispetto dei principi e dei diritti definiti nel pilastro europeo dei diritti sociali.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:ces

Pubblicato il: 03 Maggio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.