(IN) Netweek

MILANO

I politici cambiano partito come noi le mutandine L’amico del popolo di Roberto Poletti

Share

Tra poco si vota. I partiti che hanno governato, per varie ragioni, sono sfavoriti e rischiano il tracollo. Significa che essere di sinistra non è più conveniente per i tanti opportunisti del Belpaese. Avete notato cosa sta succedendo in questi giorni? E' in atto una vera e propria fuga di molti politici (ma anche di artisti, intellettuali e faccendieri) da Renzi e compagnia cantante. Tutti a prendere le distanze da persone con le quali hanno condiviso fino al giorno prima idee, battaglie e azioni politiche. Addirittura ministri che fanno passi indietro, pronti magari a cercare un posto al caldo dall'altra parte. Gente che cambia partito come noi cambiamo le mutandine, praticamente tutti i giorni. Loro la vendono come coerenza. In realtà si tratta di puro calcolo politico, di opportunismo. Siccome probabilmente vince l'altro, meglio saltare subito sul carro, senza perdere tempo prezioso. Non è un bello spettacolo, ma lo specchio dell'Italia peggiore, quella che vende l'anima per uno strapuntino. Giochetti e strategie che vengono messi in scena alla faccia della povera gente, delle sue esigenze, dei problemi del Paese. La solita storia, insomma. Per cambiare l'Italia bisognerebbe che cambiassero gli italiani. O, meglio, i loro rappresentanti nelle istituzioni. Peccato che questi signori abbiano il didietro per bene incollato alle poltrone e non le mollino mai.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:plt

Pubblicato il: 25 Luglio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.