(IN) Netweek

CALCO

L’affitto é preferito dai single e dai nuclei monoreddito Molto richiesti gli appartamenti di due o tre locali. Diverse le formule di contratto disponibili anche se la più utilizzata é quella a canone libero 4+4

Share

Per molti, dato il perdurare della crisi economica, l’acquisto di una casa resta un sogno. Ecco, allora, che anche nella Brianza lecchese la locazione, particolarmente tra i single e le coppie giovani, continua a riscuotere un buon successo.

«Le famiglie che vivono in affitto sul nostro territorio rappresentano circa il 18% del totale - afferma Leonardo Piciotti di Tecnocasa Calco - Un dato che tutto sommato è in linea con quello registrato nel 2016. La spesa media per il canone mensile è di circa 500 euro, tenendo conto che i tagli preferiti da chi sottoscrive una locazione restano quelli dei due o tre locali». L’agente immobiliare precisa che la formula di contratto preferita dai proprietari è quello a canone libero (4+4 con rinnovo automatico alla prima scadenza) con la scelta della tassazione con cedolare secca grazie alla quale si riduce sensibilmente la gestione tributaria della locazione.

«Sostanzialmente - riprende l’esperto - Oggi chi si orienta sull’affitto è per lo più single: si tratta di divorziati o giovani che hanno da poco un lavoro. L’obiettivo che avrebbero queste persone sarebbe quello di comprare casa, ma non ne hanno la possibilità perché non riescono ad accedere al mercato del credito. Solitamente si tratta di soggetti monoreddito che faticherebbero a pagare il mutuo per diversi anni».

Alla luce di tutto questo, si sono moltiplicate le preoccupazioni di chi sceglie di dare in affitto un immobile: «Sempre più spesso si richiedono molteplici garanzie - spiega Piciotti - Contratto a tempo indeterminato, un buono storico sono tutti elementi che permettono di ottenere un appartamento in locazione con più facilità. D’altra parte anche gli inquilini, avendo maturato nuove esigenze, dedicano oggi maggiore cura nella scelta dell’immobile dove abiteranno per diversi anni: si prediligono abitazioni in edifici nuovi o seminuovi, dalla buona performance energetica, possibilmente arredati, con riscaldamento autonomo e ridotte spese condominiali. Difficilmente un appartamento degli anni 70 con arredi del tempo riuscirà a essere affittato».

I servizi Tecnocasa nel settore delle locazioni sono sempre personalizzati: «In tutte le agenzie del nostro network ci preoccupiamo di agevolare l’incontro tra domanda e offerta - riprende il responsabile della sede di Calco - Effettuiamo immediatamente ricerche sull’affidabilità dei futuri inquilini richiedendo loro il contratto di lavoro e la busta paga. Seguiamo poi direttamente la stesura del contratto e la registrazione on-line di quest’ultimo. Qualora inoltre il proprietario scelga l’opzione della cedolare secca sarà nostro compito quello di scrivere la raccomandata con cui si comunicherà l’informazione al nuovo inquilino. Sempre noi metteremo al corrente l’amministratore condominiale, ove presente, dei nuovi inquilini dello stabile invitandolo alla corretta suddivisione delle spese tra le parti. Inoltre, qualora il regime della locazione preveda la tassazione ordinaria, ci preoccuperemo di comunicare sia al locatore, sia al locatario, le eventuali scadenze di tasse e tributi, inviando loro annualmente gli eventuali importi rivisti alla luce degli incrementi Istat».

Insomma, gestire una locazione non è semplice e questo Tecnocasa lo ha subito compreso: «Per quanto nelle nostre possibilità - conclude Leonardo Piciotti - in tutte le agenzie della Brianza lecchese il nostro impegno è quello di agevolare la vita sia ai proprietari, sia agli inquilini mettendoli entrambi nelle condizioni di trarre solo i vantaggi che l’affitto può comportare».

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 07 Febbraio 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.