(IN) Netweek

BORGOSESIA

Arredare prima o dopo il matrimonio? Tra chi sceglie di sistemare la propria dimora per tempo e chi invece opta per farlo in itinere

Share

Da una parte c’è chi inizia ad arredare casa un anno prima del matrimonio, non appena fissata la data, o non appena si hanno in mano le chiavi dell’abitazione. Da quel momento parte una grande corsa contro il tempo, con l’obiettivo di arrivare al giorno del fatidico «sì» con l’appartamento o la villetta perfettamente in ordine. Ogni cosa al suo posto dunque, perché al rientro dal ricevimento nuziale si possa già assaporare il senso di una casa completa, finita.

Dall’altra parte c’è invece il partito di chi ama arredare il proprio nido d’amore «strada facendo», in itinere: ecco dunque che per il giorno del matrimonio possono bastare la cucina, un tavolo, il letto e i bagni. Punto e stop, a tutto il resto ci si penserà con calma: «l’importante siamo io e te sotto lo stesso tetto».

Premessa d’obbligo per mettere in chiaro gli schieramenti: e voi da che parte state?

Quel che è certo sono le caratteristiche necessarie che la vostra casa dovrà avere: una volta tornati dal viaggio di nozze serviranno delle solide basi per cominciare una nuova vita di coppia. Le fondamenta sono dunque la camera da letto e la cucina, mentre soggiorno e altre camere possono andare un attimo in stand-by. In generale ognuno è ovviamente libero di arredare come vuole, quando e quanto vuole: il consiglio è semplicemente quello di vivere il tutto senza stress. Torniamo a noi, iniziando dalla cucina: la scelta cruciale riguarda proprio fornelli and company, oltre che il frigorifero e il tavolo per pranzare (se gli spazi lo consentono). Questi tre elementi sono i primi da tenere in considerazione, poi arriverà tutto il resto: con la lista nozze per esempio ecco i vari elettrodomestici, mentre tende, mensole, addobbi e colpi di genio possono anche aspettare.

All’inizio vi servirà anche spazio: attenzione infatti ai regali che ad un certo punto potrebbero piovervi addosso con insistenza, spaziando fra le dimensioni di un francobollo e quelle di un elefante. Occhio infatti alle piante: arriveranno fidatevi, prima o poi ne arriveranno in quantità industriale.

Per quanto riguarda la camera da letto la decisione più importante da prendere riguarda il letto: scelto quello, tutto il resto viene di conseguenza. Significa che armadio, comodini, bauletti, tende e addobbi vari non sono così necessari per iniziare il vostro percorso. Insomma, il senso è che se tempo e budget devono essere coltivati pian pianino allora di qualcosa si dovrà pure fare a meno.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:bgf

Pubblicato il: 11 Aprile 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.