(IN) Netweek

MERATE

Orto: aprile é il mese della semina In vaso, sul balcone, é possibile vedere spuntare i primi germogli del basilico e delle altre aromatiche

Share

Avete un orto? Aprile è il mese della semina, ma non bisogna limitarsi ad acquistare le sementi e a cospargerle sul terreno. Piuttosto è necessario preparare la terra ad accoglierle e a garantire loro il nutrimento necessario per la crescita. Per prima cosa si vanga la superficie interessata per arieggiare le zolle, quindi si eliminano le erbacce e gli altri residui che saranno rinvenuti. Fatto questo si è pronti alla semina, o al trapianto, a seconda della specie.

In rigoroso ordine alfabetico gli ortaggi da semina sono i seguenti: agretto, bietola, carota, cipolla e scalogno, sedano, zucca, piselli, porro, prezzemolo, ravanelli, rucola, spinaci, valeriana.

Sono invece pronte per il trapianto le piantine di: aglio

anguria, basilico, cetriolo, fagiolo, fave, fragole, lattuga, melanzane, melone, porro, pomodoro, scarola, sedano e zucchine.

Determinante per chi ha il pollice verde l’andamento della luna. Più in dettaglio, la semina delle verdure a foglia dovrebbe essere effettuata in fase di luna calante. Anche il posizionamento dei tutori accanto agli ortaggi che ne hanno l’esigenza deve essere effettuato in questo periodo.

Il consiglio degli esperti è quello di non fidarsi delle temperature miti di questi giorni. Sebbene, infatti, la colonnina di mercurio lasci presagire la possibilità di seminare in pieno terreno, onde evitare di veder vanificato il proprio lavoro da una gelata improvvisa sarebbe opportuno utilizzare gli appositi semenzai. Questi aiuteranno a organizzare al meglio l’orto facilitando la selezione delle piantine che appariranno più forti. Posti in un luogo riparato i semenzai permetteranno di proteggere i germogli dalle eventuali precipitazioni violente e improvvise che potrebbero verificarsi. Gli assidui frequentatori dell’orto dovrebbero ricordare che in aprile è ancora possibile raccogliere i frutti delle semine dei mesi invernali: cavolfiori, carciofi e finocchi, non a caso, proprio in questo periodo dell’anno sono protagonisti in tavola. Se sono stati seminati con un po’ di anticipo e adeguatamente protetti dal freddo, sempre in aprile sarà possibile raccogliere anche i primi piselli della stagione. Rucola, lattuga, rapanelli, prezzemolo, cipolle, spinaci e lattughino da taglio sono altri doni di questo primo scorcio di primavera.

Si può fare l’orto sul balcone? Certo che sì, se sono stati seminati qualche settimana fa si vedranno spuntare il basilico e le altre aromatiche cui proprio in questi giorni si possono affiancare alcune officinali tra le più diffuse: malva, camomilla e calendula.

E’ infine il momento della semina della stevia, pianta sempre più nota e apprezzata anche da noi grazie al dolcificante che si ottiene da essa. Da segnalare le sue valide proprietà anti-infiammatorie e anti-ossidanti.

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 28 Marzo 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.