(IN) Netweek

MERATE

Agility dog, complicità cane/padrone L’animale deve arrivare in fondo (di solito sono 18-22 ostacoli) il più velocemente possibile e senza commettere errori

Share

Il rapporto tra cane e padrone, oggi, ha subito importanti trasformazioni. Sono lontani i tempi in cui l'amico a quattro zampe era relegato in un cortile legato alla corda. Oggi l'interazione uomo/cane si trasforma in autentica amicizia e complicità. Protagonista della trasformazione, senz'altro, anche l'Agility Dog, disciplina sportiva andata diffondendosi notevolmente negli ultimi anni.

Si tratta di uno sport cinofilo che consiste in un percorso ad ostacoli (di solito dai 18 ai 22), ispirato al percorso ippico. Il cane, con il fattivo supporto del suo padrone, è chiamato ad affrontarli nell'ordine previsto, incorrendo nel minor numero di penalità, naturalmente nel minor tempo possibile.

Al padrone, tecnicamente detto conduttore, spetta il compito di seguire il cane comunicando con esso, dandogli dei comandi e accompagnandolo in tutto il percorso.

Secondo il regolamento della FCI-Fédération Cynologique Internationale (Federazione cinologica internazionale), gli ostacoli del percorso devono essere studiati con l' obiettivo di evidenziare il piacere e l'agilità dell'animale nel collaborare con il conduttore. Evidente l'obiettivo educativo dell'agility che è quello di favorire l'integrazione dell'animale nel mondo dell'uomo.

Non è dunque un caso se questa disciplina implica una buona armonia tra il cane e il suo conduttore che porta a una intesa perfetta tra i due. Per avere successo, il cane impegnato nell'agility deve possedere gli elementi di base d'educazione e obbedienza.

Le origini della disciplina sono inglesi. Il primo show di agility, infatti, risale allo show canino Crufts nel 1978. John Varley, un membro della commissione dello spettacolo dell'anno precedente, venne incaricato di organizzare un evento che unisse sia l'agilità e l'obbedienza del cane e che rialzasse l'audience della manifestazione, da anni ormai in calo. Ecco dunque affacciarsi l'idea dell'agility: una disciplina vincente!

Leggi tutte le notizie su "Giornale di Merate"
Edizione digitale

Autore:afm

Pubblicato il: 20 Giugno 2017

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Commenti

Hai a disposizione 2500 caratteri

Ne stai uililizzando 20

Per commentare devi essere loggato.